SA 8000 costi consulenza iso 9001, 14001, 45001, UNI EN 1090 brescia bergamo mantova cremona verona FSC milano ISO 27001 Brescia Milano costo expediting

Accreditamento Reg. Lombardia per Servizi
di Istruzione e Formazione Professionale n. 1116

SA 8000 costo consulente iso 9001 14001 45001 1090 brescia bergamo mantova milano cremona verona costi FSC
Home PageContattiCorsi gratis

Il principio DNSH – Do No Significant Harm previsto dal PNRR

Dichiarazione di conformità al DNSH significato dnsh esempio dnsh relazione dnsh principio report di conformità ai principi del DNSH PNRR pdf do no significant harm dnsh guida dnsh significato dnsh pnrr dnsh pnrr pdf dnsh schede dnsh esempio relazione dnsh

Compliance al principio DNSH – Do No Significant Harm

Gli interventi previsti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) italiano, che utilizza i cospicui aiuti economici stanziati dall'Unione Europea per sostenere gli Stati membri dopo la Pandemia Covid 19, hanno stringenti regole di accesso ai prestiti a fondo perduto e ai finanziamenti a tasso agevolato da parte delle aziende beneficiarie, e degli altri soggetti interessati.
Le iniziative progettuali sono proposte dai soggetti attuatori (le Amministrazioni centrali dello Stato o soggetti da queste delegati) ai soggetti beneficiari finali tramite appositi bandi o decreti.
Secondo la legislazione europea, tra i requisiti obbligatori per l'accesso ai fondi è posto quello del DNSH (Do No Significant Harm), vale a dire il principio per cui qualsiasi iniziativa sostenuta dai fondi PNRR, in qualsiasi settore di intervento, dovrà dimostrare la compliance (cioè il rispetto) del “non arrecare danno all'ambiente”. Il principio DNSH, in particolare, si declina in 6 obiettivi ambientali da rispettare:

a) la mitigazione dei cambiamenti climatici;
b) l'adattamento ai cambiamenti climatici;
c) l'uso sostenibile e la protezione delle acque e delle risorse marine;
d) la transizione verso un'economia circolare;
e) la prevenzione e la riduzione dell'inquinamento;
f) la protezione e il ripristino della biodiversità e degli ecosistemi.

È onere del soggetto/azienda che beneficia dei fondi dimostrare, per ognuno di essi, il rispetto del principio del “non arrecare danno”. I bandi PNRR prevedono perciò specifici requisiti da rispettare e da dimostrare concretamente da parte dei beneficiari, in fase di inoltro delle domande di finanziamento.

Il nostro servizio di consulenza sul DNSH

Area ISO offre un servizio di assistenza per raggiungere la compliance: offriamo un servizio di assistenza alle aziende interessate a dimostrare il rispetto del principio DNSH, intervenendo con consulenze in ambito ambientale per presentare la Dichiarazione di conformità al DNSH necessaria all'accesso ai bandi del PNRR. Le necessità verranno valutate caso per caso, in base alle cogenze richieste.
Siamo disponibili ad effettuare incontri di analisi in azienda per progettare al meglio le lavorazioni necessarie (certificazioni o altro tipo di valutazioni ambientali). I nostri consulenti sono esperti di sostenibilità d'impresa e ambientale.
In sostanza il nostro servizio consiste nella validazione e verifica della compatibilità di attività economiche e interventi, previsti dal Cliente, al principio DNSH, tramite un processo sistematico, ai fini del rilascio di un'opinione, in grado di fornire garanzie agli stakeholder interessati sulla conformità al principio DNSH. La verifica viene svolta sulla previsione degli interventi e dei progetti da finanziare oppure anche ex-post sugli interventi finanziati.

Dichiarazione di conformità al DNSH

Tutte le spese finanziate devono essere coerenti con i principi del “non arrecare un danno significativo” (Do Not Significant Harm – DNSH) ai sensi dell'articolo 17 del Regolamento Tassonomia (UE) 2020/852*, in conformità agli Orientamenti tecnici della Commissione europea (2021/C/58/01).
In base a tali principi, per le spese rendicontate sarà necessario dichiararne la rispondenza a specifici requisiti di sostenibilità ambientale, pena l'inammissibilità della spesa.
La PMI dovrà presentare in sede di rendicontazione la Dichiarazione di conformità al DNSH indicando la scheda tecnica di riferimento e, per lo strumento Transizione Digitale ed Ecologica, ove necessarie, le relative Schede Focus. In quest'ultimo caso, qualora una spesa non rientrasse nell'ambito di nessuna delle Schede Focus messe a disposizione, l'impresa dovrà fornire un report di conformità ai principi del DNSH redatto da un consulente ambientale.

Cosa significa DNSH?

Letteralmente significa "Do No Significant Harm" (DNSH), ovvero nessun danno significativo all'ambiente: questo principio prevede che gli interventi che beneficiano dei fondi erogati dal PNRR non arrechino danni all'ambiente: questo concetto è fondamentale per accedere ai finanziamenti del RRF (Recovery and Resilience Facility).

Perchè rispettare l'obbligo del DNSH?

Il principio DNSH è obbligatorio per l'accesso ai bandi finanziati con i fondi europei del PNRR. Il mancato rispetto della prescrizione preclude la possibilità per le aziende di accedere ai finanziamenti. dnsh Brescia significato dnsh esempio dnsh relazione dnsh principio dnsh PNRR pdf dnsh PNRR do no significant harm dnsh guida dnsh brescia milano bergamo verona lodi parma piacenza mantova como dnsh esempio dnsh pnrr pdf dnsh certificazione dnsh significato dnsh check list guida operativa dnsh relazione dnsh dnsh pnrr

Che legame c'è fra DNSH e certificazione Carbon Footprint?

Potrebbe esserci un nesso, se uno dei requisiti di accesso a un bando del PNRR prevedesse come condizione il possesso della Carbon Footprint.

Applicazione del DNSH

Tutte le misure inserite nei PNRR, che siano investimenti o riforme, devono essere conformi al principio DNSH. È compito dei singoli Stati membri dimostrare il rispetto di tale principio. Pertanto, tutti i progetti e le riforme proposti nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza italiano sono stati valutati dalle Amministrazioni proponenti, con il supporto di esperti in materia ambientale, considerando i criteri DNSH.

Come effettuare la valutazione del DNSH

La valutazione tecnica stima in una prospettiva a lungo termine, per ogni intervento finanziato, gli effetti diretti e indiretti attesi. Gli effetti generati sui sei obiettivi ambientali di cui sopra da un investimento o da una riforma sono quindi stati ricondotti a quattro scenari distinti, secondo cui la misura deve:
  • contribuire in modo sostanziale all'obiettivo ambientale;
  • sostenere l'obiettivo con un coefficiente del 100%;
  • avere impatto nullo o trascurabile sull'obiettivo;
  • richiedere una valutazione DNSH complessiva.
Una volta individuate queste condizioni, sono stati definiti due approcci differenti per le valutazioni DNSH:
  • approccio semplificato;
  • analisi approfondita e condizioni di conformità.